Lavoro e Mediazione Linguistica

Obiettivi occupazionali

La Scuola Superiore per Mediatori Linguistici “San Domenico” propone una formazione innovativa fortemente orientata all’occupazione .  L’obiettivo della Scuola è assicurare allo studente una rigorosa formazione di base e un insieme di conoscenze orientate alle competenze professionali richieste al mediatore linguistico, al traduttore e all’interprete nei settori pubblici e privati, attraverso una didattica attiva, momenti di confronto culturale, testimonianze dal mondo del lavoro e esperienze di studio e tirocinio in aziende e organizzazioni italiane e estere.

1 (950x460)

COSA SI PUÒ FARE DOPO LA SSML?

Dopo il conseguimento della laurea triennale, gli studenti avranno la possibilità di inserirsi direttamente nel mondo del lavoro oppure di seguire percorsi di specializzazione.

Dopo il conseguimento della laurea triennale in Mediazione Linguistica, riconosciuta a livello europeo, gli studenti avranno la possibilità di inserirsi direttamente nel mondo del lavoro oppure di scegliere di seguire il Corso di Laurea Magistrale o i Master di Alta Formazione Professionale da noi proposti.

La SSML offre la possibilità di frequentare Corsi di Alta Formazione Professionale, ovvero corsi ad alto livello di specializzazione accademica in Interpretariato, Traduzione e Mediazione Forense, Adattamento cinetelevisivo e degli audiovisivi etc..

Lo sbocco professionale più immediato per chi sceglie questo percorso di formazione è rappresentato dalla figura non solo del semplice interprete e traduttore, ma soprattutto del mediatore linguistico, colui cioè che fa da tramite tra lingue e culture diverse. Attraverso la perfetta padronanza della propria lingua madre e delle lingue straniere acquisite, insieme alla conoscenza degli ambiti culturali di riferimento, il mediatore linguistico si impegna a realizzare il trasferimento dei concetti espressi nella lingua di partenza in quella di arrivo. Non si tratta di una semplice traduzione, come può avvenire per i testi scritti o nel lavoro dell’interprete, ma del passaggio da una cultura all’altra, con applicazioni in vari ambiti della vita sociale.