ALP- Accordare Le Parole, una giornata dedicata alla Traduzione e all’interpretariato

Posted By : redazionessml

Si è concluso il 12 aprile 2019 presso l’Auditorium della SSML San Domenico a Roma “ALP – Accordare le parole” un evento unico nel suo genere, dedicato al mondo della traduzione e dell’interpretariato e rivolto a tutti i professionisti, studenti e laureandi del settore.

Nato in collaborazione con Istrad – Instituto Superior de Estudios Lingüísticos y Traducción – per la promozione della cultura della mediazione linguistica nei settori dell’audiovisivo, della traduzione legale, dell’interpretariato forense e del doppiaggio. In Italia, Spagna ed Europa.

Una lunga giornata ricca di interventi, seminari e testimonianze di alcune delle più importanti personalità del settore.

Accordare le parole, questo il titolo dell’evento, nato per dimostrare come il mondo della musica sia vicino a quello della traduzione e dell’interpretariato e come le parole che usiamo e combiniamo suscitino interesse e reazioni nell’interlocutore.

“Le parole sono note che disponiamo per senso e combinazioni lessicali su un immaginario pentagramma”.

L’ evento promosso dalla SSML San Domenico, introdotto dal messaggio di benvenuto Istituzionale dell’ Ing. Gregorio Perillo, Direttore SSML San Domenico, ha  visto l’intervento della Dott.ssa Adriana Bisirri, Presidente UNITALIA e AUPIU e della Dott.ssa Rocío Márquez Garrido, Direttrice accademica e Coordinatrice del Master in Traduzione Specializzata dell’ISTRAD,  preziosi partner nella genesi dell’evento.

Una grande successo, per partecipazione ed affluenza, dovuta in particolare alla testimonianza di molti esperti del settore tra cui: Paolo Maria Noseda, Interprete di Conferenza Freelance e Traduttore, Giuseppe Patota, Accademico della Crusca e condirettore del Vocabolario Treccani, Maria Cristina Coccoluto, professore di italiano lingua straniera, e traduttrice legale, Arianna Grasso Traduttrice legale, Vera Arma Audiodescrittrice e direttrice di Artis Project, Quico Rovira-Beleta e Carlo Cosolo Traduttori audiovisivi e Dialoghisti.

noseda

“Chiedo sempre alle persone perché comunicate?” Perché si comunica? si comunica perché noi abbiamo bisogno di essere amati……la parola è un veicolo potentissimo di affetto, di amore, di possibilità di far conoscere noi stessi all’altro…”

Paolo Maria Noseda, apre il primo intervento soffermandosi su una riflessione sulla figura dell’interprete:

“un interprete attualmente deve considerarsi un mezzo, un veicolo sensibile alle due parti che deve mettere in comunicazione…..”.

Segue l’intervento di Giuseppe Patota , Accademico della Crusca, che sottolinea l’estrema importanza per ogni traduttore ed interprete professionista, della presenza sulla propria scrivania di molti vocabolari per poter svolgere la propria professione.

E ancora, “come trattare gli arcaismi nell’ambito della traduzione giuridica, come trattare la traduzione di termini semplici in termini complessi? Arianna Grasso, affronta in 45 minuti il complesso mondo della traduzione legale e del Plain English come movimento democratico di avvicinamento al lettore.

keep it simple. L' intervento di Arianna Grasso ci spiega il Plain English Vs Legalese. #ALP2019 #ssmlsandomenico @accordareleparole #traduzionegiuridica #traduttori

Pubblicato da SSML San Domenico officialpage su Venerdì 12 aprile 2019

 

L’audiodescrizione è invece l’oggetto di analisi del quarto intervento della audiodescrittrice Vera Arma, “l’audiodescrizione per il cinema, la televisione, il teatro: un esercizio di traduzione semplice o di traduzione simultanea?” Come si rapporta il mondo della traduzione con quello della disabilità sensoriale?

Concludono gli interventi gli attesissimi traduttori audiovisivi Quico Rovira-Beleta e Carlo Cosolo: il primo per le oltre 1000 opere tradotte e/o adattate alle spalle, tra film e serie tv. Il secondo direttore del doppiaggio di moltissimi film box office quali I Pirati dei Caraibi, Transformers e Star Wars.

 

“Volete sapere come si fa un adattamento in italiano? Interviene Cosolo, prendete tutto ciò che è stato detto oggi, aggiungete un pizzico di recitazione ed avrete il miglior adattamento possibile; e continua, “armonia, questa è la parola chiave”, fare i dialoghi per un film è come tradurre poesia, quando io traduco, leggo a voce alta come quando adatto, perché devo riprodurre tutto quello che c’è al di sopra di una parola, o di una battuta;

Alla base deve esserci curiosità…., il traduttore deve essere soprattutto curioso. Non puoi fare l’adattamento di Star Wars senza avere concezione di cosa sia Star Wars, anche se non te ne importa nulla.