Master post laurea

Posted By : Redazione San Domenico

I master post laurea organizzati da SSML San Domenico

Come abbiamo visto le possibilità offerte dall’occupazione come mediatore linguistico culturale sono numerose e abbracciano molti ambiti lavorativi. Quindi è fondamentale accrescere il proprio livello di conoscenze in base all’indirizzo che si è scelto e una valida possibilità sono i master professionali organizzati dall‘istituto SSML San Domenico.

Master in interpretariato di conferenza

Lo scopo di questo percorso formativo della durata di 6 mesi è incrementare le conoscenze linguistiche e culturali dei principali idiomi europei (inglese, spagnolo, francese e tedesco) e acquisire le competenze tecnico-specialistiche necessarie per svolgere al meglio la mansione di interpretazione simultanea e consecutiva. Si tratta di una qualifica molto richiesta e che, il più delle volte, non può essere raggiunta con i soli studi universitari. Oltre alle tecniche di traduzione simultanea, verranno insegnati codici comportamentali, tecniche di comunicazione e stili diplomatici per poter operare in ambiti internazionali. Al termine del master il professionista potrà lavorare presso aziende private oppure organizzazioni e istituzioni in qualunque parte del mondo.

studenti-mediazione-linguistica

Master in traduzione audiovisiva

Questo master ha lo scopo di formare figure professionali esperte in tecniche di audiodescrizione per permettere l’accessibilità dei contenuti anche ai non vedenti, doppiaggio e sottotitolazione di opere quali programmi TV, film, documentari e pubblicità. Il percorso di studio ha una durata complessiva di 200 ore con l’aggiunta di un tirocinio. Alla fine il soggetto acquisirà le tecniche necessarie per tradurre nelle propria lingua opere straniere, attraverso l’uso di software professionali e relazionandosi con i responsabili della post-produzione.

Master in linguaggi tecnico scientifici

Per ambire a carriere professionali di un certo livello in Italia o all’estero, è indispensabile affiancare alla conoscenza delle lingue quella specifica ad ambiti giuridici, politici e scientifici. Il master ha una durata di 6 mesi e forma interpreti e traduttori in linguaggi tecnici, raggiungendo il livello di conoscenza linguistica C2. Ciò permetterà loro di operare in completa autonomia e con totale padronanza della tecnica e dell’etica professionale. Gli sbocchi occupazionali sono innumerevoli e consentono di collaborare con istituzioni italiane e dell’Unione Europea, multinazionali, enti pubblici e privati in ambito scientifico, società operanti nel marketing e turismo, etc.

traduzione-legale

Master in Hospitality & Tourism Management

Facile intuire come tale percorso formativo sia destinato a tutti coloro che intendono entrare nel mondo dell’hospitality management e del turismo. Le possibilità di lavoro di certo non mancano, soprattutto vista l’elevata proposta turistica del nostro Paese e i milioni di visitatori che giungono ogni anno da tutte le parti del mondo. Per poter accogliere un così elevato flusso di cittadini stranieri e gestire le strutture ricettive, non è sufficiente la padronanza delle lingue ma sono indispensabili competenze a livello economico, giuridico e finanziario. Questo master intende proprio fornire tali conoscenze a coloro che sono interessati a promuovere il turismo in Italia e all’estero.

Master in interpretariato e traduzione giuridica

La professione dell’interprete e del traduttore forense ha avuto un notevole sviluppo negli ultimi anni e questo master vuole offrire le conoscenze sulle terminologie tecniche in campo giuridico e della criminologia forense. Il professionista sarà in grado di operare in abiti come tribunali, studi legali, enti governativi ma anche in settori quali l’editoria giuridica.

Il corso Triennale in Mediazione Linguistica è tra le specializzazioni più apprezzate dagli studenti che si rendono conto come, in una società multirazziale e multiculturale, la conoscenza dei principali idiomi conceda maggiori possibilità occupazionali in moltissimi settori. Oggi in Italia si può conseguire la laurea in lingue dopo soli tre anni di studi e poi decidere se fermarsi oppure proseguire con ulteriori due anni di specializzazione. Chi sceglie la carriera di mediatore linguistico culturale è spesso colto da numerosi dubbi sulle reali opportunità di lavoro che tale qualifica possa offrire. Di seguito cercheremo proprio di capire quali mansioni svolge questa figura professionale e quali corsi post-laurea conviene seguire per migliorare il livello delle competenze.

In cosa consiste la specializzazione in mediazione linguistica?

La professione di mediatore linguistico culturale assicura molti sbocchi professionali e apre le porte della traduzione a 360 gradi. Gli ambiti di impiego sono innumerevoli e svariano da settori come il turismo, per passare alla semplice traduzione di testi letterari fino ad arrivare alla specializzazione in campo economico, giuridico e forense. È indispensabile avere una solida base linguistica con perfetta padronanza nello scritto e nel parlato di almeno due lingue stranire, tuttavia forse non tutti sanno che anche chi è in possesso di un diploma di maturità può iscriversi ai corsi triennali universitari di mediazione linguistica come, ad esempio, quelli organizzati dall’istituto SSML San Domenico.
Alla fine vengono formate figure professionali altamente specializzate in traduzione ed interpretazione, in grado di lavorare presso imprese internazionali, organizzazioni diplomatiche e nei campi dell’assistenza linguistica e della mediazione culturale. Seguendo specifici master post laurea si può cogliere l’opportunità di specializzarsi in determinati settori di carattere tecnico-scientifico, legale e forense.

mediatori-linguistici

Sbocchi professionali offerti dalla mediazione linguistica.

Una domanda che molti studenti si pongono dopo aver terminato gli studi e cosa fare una volta ottenuto il titolo di mediatore linguistico. Come anticipato chi sceglie questo percorso formativo si trova dinnanzi a sé numerose opportunità da poter cogliere. Vediamo di capire quali sono le figure professionali più richieste.

Pubblica Amministrazione

Il mediatore ha lo scopo di interagire con cittadini stranierei per risolvere tutte le problematiche interculturali che si possono generare. Ecco quindi che può svolgere la mansione di interprete simultaneo nelle conferenze oppure direttamente presso enti pubblici. Potrebbe anche diventare un mediatore umanitario inviato in zone di crisi in giro per il mondo o collaborare con le forze dell’ordine assumendo la qualifica di consulente linguistico. Non è assolutamente da escludere un impiego con una specializzazione in traduzioni giuridiche.

Aziende private

Anche in ambito privato la richiesta di mediatori linguistici è alta e può andare dal semplice consulente, all’operatore che intrattiene rapporti internazionali e commerciali per conto dell’azienda oppure al traduttore di linguaggi tecnico scientifici.
Lo studente che intende svolgere mansioni di management, consulenza specializzata e amministrazione di uffici e personale, dovrà concentrare gli studi post universitari sull’accrescimento delle competenze, soprattutto, in campo economico e amministrativo.

Organizzazioni internazionali, diplomatiche e umanitarie

In questo caso il mediatore può svolgere le mansioni di interprete e traduttore presso, per esempio, le istituzioni dell’Unione Europea, uffici diplomatici e ambasciate. E’ un’occupazione ideale per chi ama viaggiare ed entrare in contatto con ambienti multirazziali. Si potrà scegliere se lavorare in qualità di funzionario dovendo partecipare a concorsi pubblici indetti dall’UE oppure come libero professionista. Sarà necessario aver acquisito specifiche competenze di carattere economico-amministrativo, indispensabili per avere un’adeguata base di partenza.
Bisogna tenere in considerazione che questo tipo di carriera è decisamente molto impegnativa, soprattutto se si è costretti a viaggiare per il mondo. Si tratta di un lavoro destinato a chi ama le sfide e non ha problemi a stare per parecchio tempo lontano da casa e ridurre al minimo lo spazio destinato alla propria vita privata.

lavoro-internazionale

Settore editoria e comunicazione

Anche in questi campi non mancano di certo le opportunità e occasioni di ricoprire importanti ruoli anche in grandi aziende internazionali di marketing e comunicazione oppure presso case editrici, redazioni giornalistiche e agenzie pubblicitarie. Esempi occupazionali sono l’addetto stampa internazionale oppure il doppiatore o sottotitolatore per giornali, radio e TV.

traduzione-per-la-comunicazione

Settore investigativo e forense

Esistono molti corsi post laurea che permettono di specializzarsi in mediazione linguistica con indirizzo in criminologia e linguistica forense. Rappresentano settori molto interessanti e con ampi sbocchi lavorativi vista la minor concorrenza rispetto ad altre figure professionali più comuni e meno richieste. Quella del mediatore linguistico forense è una figura professionale con adeguate competenze linguistiche unite a quelle riguardanti discipline giuridiche, scienze criminologiche, medicina legale, scienze psico-sociali e psichiatriche, nonché in odontostomatologia forense. Un insieme di conoscenze necessarie per poter svolgere il ruolo di mediatore presso forze dell’ordine, uffici legali pubblici e privati, enti governativi, studi legali, tribunali, editoria del settore giuridico, etc.

Turismo

Rappresenta probabilmente uno dei settori con le maggiori possibilità, considerando l’enorme afflusso di turisti stranieri in Italia e la necessità di offrire adeguati servizi per l’ospitalità e l’intrattenimento. Il mediatore, in questo caso, unisce le conoscenze linguistiche con quelle di natura economico-culturale e ciò consente di svolgere mansioni molto dinamiche, di grande interesse e soddisfazione. A tutto questo c’è da aggiungere l’alta probabilità di poter viaggiare all’estero e accrescere la propria esperienza in abito professionale ed umano. Tra le occupazioni principali evidenziamo il manager di strutture ricettive, collaboratore in imprese turistiche private, responsabile delle relazioni estere in musei, tour operator, tour assistant e guida turistica.

Interpreti e traduttori freelance

Per godere della massima flessibilità e libertà si può intraprendere una carriera di traduttore ed interprete free lance. Non ci saranno limiti di nazionalità e di lingue ed è una professione potenzialmente aperta a chiunque si senta di avere le adeguate conoscenze.